Acido Ialuronico, scopriamo i benefici e le controindicazioni

Acido Ialuronico, scopriamo i benefici e le controindicazioni

L’acido Ialuronico, proprietà ed effetti per la nostra pelle

L’acido ialuronico è un componente naturale del nostro corpo ed è estremamente importante la sua azione sulle cellule che costituiscono la nostra pelle, grazie alla sua proprietà stimolante, facendo si che le cellule producano più collagene, garantendo maggiore elasticità alla pelle stessa, per non parlare della sua capacità di idratazione in profondità. Infatti l’acido ialuronico ha la capacità di trattenere 70 volte il suo peso l’acqua; pertanto un grammo di acido ialuronico può trattenere ben 70 grammi di acqua all’interno delle cellule della nostra pelle.

Acdo IaluronicoInfatti, è proprio grazie a questo particolare tipo di molecola se le pelle si presenta così elastica e resistente, senza contare che questo elemento idrata la pelle a fondo, grazie al suo essere altamente solubile in acqua, e la protegge dalle tensioni che è costretta a subire ogni giorno.

L’acido ialuronico è uno dei componenti principali dei tessuti connettivi del corpo umano. Esso conferisce alla pelle turgidità e il mantenimento della forma. Ma inevitabilmente, con il passare degli anni la sua riproduzione diventa sempre minore e più lenta, ed è per questo motivo che la pelle inizia a conosce i segni del tempo come le rughe, la perdita di tono e altri piccoli inestetismi.
La comparsa delle tanto temute rughe è infatti dovuta all’indebolimento della fitta rete di acido ialuronico tipico dell’età giovanile fino ai 25/30 anni, dopo di che il reticolo di acido ialuronico subisce un indebolimento, dovuto al rallentamento nella produzione endogena della molecola.

Dove si concentra nel corpo l’acido Ialuronico?

L’acido Ialuronico non è presente solo nel derma del viso, come si è soliti pensare, ma in molte altre parti del corpo che, con la pelle, apparentemente, non c’entrano nulla.

Infatti lo troviamo nelle seguenti regioni del nostro corpo:

  • Umor vitreo degli occhi: Il corpo vitreo è una sostanza gelatinosa che si trova all’interno della camera vitrea dell’occhio, trasparente e dal volume costante, costituito dal 98% da acqua e dal 2% da acido ialuronico, sali, zuccheri e proteine di tipo collagene, che si occupano dell’aderenza tra umor vitreo e retina;
  • Cartilagine: la Cartilagine è un tessuto molle che si trova tra un osso ed un altro ed fondamentale per evitare che queste sfreghino tra di loro; essa contiene, oltre al collagene anche acido ialuronico che ha la funzione di mantenere lubrificate le articolazioni e funzione antinfiammatoria;
  • Pareti della aorta;
  • Tendini: un insieme di fibre che vanno a collegare il muscolo all’osso o alla pelle, pertanto importante la presenza di acido ialuronico che contribuisce alla lubrificazione delle strutture corporee;
  • Cordone ombelicale
  • Liquido sinoviale

Insomma l’acido ialuronico è presente in tutte quelle parti del fisico che richiedono elasticità, idratazione, turgore, ma esso funziona anche come cementante e anche come molecola anti-urto e, perché no, come ottimo lubrificante, proteggendo le zone interessate da stress fisici e le cellule dai danneggiamenti del tessuto. L’acido ialuronico viene molto utilizzato in pazienti che soffrono di artrosi o di perdita di cartilagine in generale, per questo rappresenta un ottimo integratore naturale che non ha le controindicazioni dei farmaci.

La struttura della nostra pelle

strati della nostra pelle

Per capire meglio in che modo agisce la molecola dell’acido ialuronico, sarà meglio vedere prima in che modo si struttura la nostra pelle.
La pelle è costituita da strati differenti che hanno una struttura e una funzione diversa tra loro.
In linea generale possiamo dire che la pelle ha lo scopo di proteggerci dagli agenti esterni come i batteri e di conservare l’ equilibrio termico del corpo grazie alle ghiandole sudoripare presenti su tutta la nostra superficie corporea.
Vediamo nel dettaglio la struttura della pelle.  Lo strato più superficiale della pelle è costituito da:

  • Epidermide
  • Derma
  • Strato sottocutaneo

L’epidermide è la parte più esterna della pelle ed è a sua volta costituita da diversi strati, in particolare da 5 sotto strati:

  • lo strato più profondo chiamato strato basale o germinativo
  • lo stato spinoso
  • lo strato granuloso
  • lo strato lucido
  • lo strato corneo che rappresenta lo strato più superficiale

Ognuna di queste diverse aree è costituita da cellule aventi forma e funzione specializzata. Le principali cellule che formano l’epidermide sono i cheratinociti e i melanociti.

I cheratinociti si trovano nello strato basale e vanno a cambiare funzione e morfologia in 28 giorni.
Infatti, in questi giorni le suddette cellule risalgono in superficie, attraverso i diversi strati dell’epidermide accumulando nel frattempo una proteina filamentosa chiamata cheratina, la quale raggiunge il massimo della maturazione nello strato corneo, lo strato più superficiale della pelle, causando la naturale desquamazione della pelle. Nel caso della psoriasi, un infiammazione cronica della pelle, accade invece  che i cheratiniciti passano dallo strato basale a quello corneo e quindi superficiale in soli 4 giorni, arrivando pertanto a destinazione non ancora maturi, causando infiammazione e una veloce  e prematura desquamazione della pelle.
Quando questo strato superficiale dell’epidermide viene a contatto con i raggi Uv, si inspessisce creando una superficie di protezione.

Per quanto riguarda i melanociti, si tratta altresì di cellule  dell’epidermide che hanno la funzione di produrre melanina, un pigmento che si trova negli strati più profondi della pelle e che gioca diversi ruoli all’interno del nostro corpo, tra cui termoregolazione e funzione di protezione contro i raggi ultravioletti (UV) presenti neli raggi solari.

Lo strato subito sotto l’epidermide è il derma, che è invece uno strato di tessuto connettivo, caratterizzato da terminazioni nervose, capillari, bulbi piliferi e ghiandole sebacee.
Il tessuto sottocutaneo non è altro che il collegamento tra l’epidermide e il resto del corpo sottostante, formato principalmente da tessuto adiposo.

Ora, alla luce di quanto accennato riguardo l’anatomia della pelle, possiamo capire meglio quanto sia difficile per ogni attivo cosmetico attraversare il primo strato della pelle, ovvero l’epidermide, essendo essa costituita da diverse reti cellulari fortemente legate tra loro e prive di capillari sanguigni.
Per quanto concerne l’acido ianuronico a basso peso molecolare, esso riesce, a raggiungere gli strati più profondi, rimpolpando e nutrendo la rete cellulare naturale già presente.

Le funzioni dell’acido Ialuronico

Le caratteristiche proprie dell’Acido Ialuronico, lo rendono per gli utilizzi più diversi, dal campo medico a quello estetico; in entrambi i casi, il risultato sarà ottimo, sempre se ci si affida a mani esperte e sapienti di dottori e specialisti.

Analizzando più a fondo, questa sostanza è molto impiegata nel mondo della medicina nei seguenti casi:

  • Viene utilizzato come rigenerante della membrana del timpano, in caso di perforazione.
  • Chirurgia oftalmica: l’Acido Ialuronico viene utilizzato per la creazione di lacrime artificiali e interventi sul corpo vitreo dell’occhio.
  • Artrologia: come lubrificante per preservare il liquido sinoviale delle articolazioni.

Inoltre, ricerche non ancora confermate, sostengono che l’Acido Ialuronico sia in grado di unirsi ai ricettori CD44, sia cioè in grado di rigenerare capelli e peli.

Se acquistato in forma di gel o spray, l’Acido Ialuronico è inoltre impiegato per alleviare il dolore e guarire lesioni ulcerose, specialmente in quei casi in cui questi fastidi siano causati da terapie come la chemioterapia o la radioterapia.

Il campo, però, in cui l’Acido Ialuronico è più impiegato, o comunque per il quale si conosce di più, è quello delle cosmesi e delle creme di bellezza: molte sono infatti le creme che oggi sono arricchite da questa sostanza che già è presente nel corpo umano, per combattere rughe e donare nuova elasticità alla pelle della zona interessata, nonché una profonda idratazione.

Filler all’acido Ialuronico nella medicina estetica

fille all'acido ialuronico

Dopo i 30 anni di età, come già accennato si indebolisce la produzione di acido ialuronico all’interno della nostra pelle e non sempre la comparsa delle prime rughe viene affrontata in modo sereno, e questo vale sia per le donne che per gli uomini, che oggi giorno sono più sensibili ai segni dell’invecchiamento.
Proprio in questo senso viene in aiuto l’acido ianuronico utilizzato come ingrediente aggiuntivo di molte creme cosmetiche, che grazie al loro utilizzo quotidiano, danno un nuovo impatto alla pelle, rendendola più elastica, luminosa e soprattutto tonica, in molti casi eliminando del tutto rughe del tempo o rughe d’espressione.

L’acido ialuronico, non è utilizzato solo nel mondo della cosmetica ma anche dai dermatologi per prevenire l’invecchiamento, che vanno ad iniettare piccole quantità di questa sostanza direttamente sotto lo strato superficiale della pelle. Il processo sia chiama filler all’acido ialuronico, ed esso va a stimolare la produzione di nuovo collagene ed elastina, con il risultato di una pelle più elastica, più idratata e con maggiore turgore della pelle a livello profondo.
In cosa consiste il filler all’acido ialuronico?
Si eseguono delle piccolissime iniezioni sul livello superficiale della pelle, assistendo già dalle prime applicazioni ad un ringiovanimento della pelle che viene rigenerata in modo del tutto naturale.

Pertanto possiamo ritenere valide tutte quelle soluzioni cosmetiche o terapie che utilizzano acido ialuronico naturale per contrastare i segni d’invecchiamento, anch’esso un processo naturale ma che ad oggi possiamo decisamente rallentare.

Sicuramente, in termini di  chirurgia estetica, il filler rappresenta la soluzione più richiesta, per ridefinire e dare volume a piccole zone, soprattutto del viso, come le labbra e gli zigomi, o per far scomparire diversi tipi di rughe e quelle che vengono chiamate “zampe di gallina”. Non richiedono ricoveri né tanto meno anestesie, anche se può essere applicata una pomata anestetizzante quando il filler viene fatto in zone più sensibili come ad esempio le labbra.

Le controindicazioni dei filler all’acido ianuronico

Come per ogni altra molecola sintetizzata dal corpo umano, l’acido ialuronico non presenta effetti collaterali di se, ma dal metodo con cui questo viene somministrato.

Il filler è sicuramente uno dei processi sottoposto a più rischi: infatti, subito dopo l’iniezione, la parte trattata risulterà gonfia e rossa, con tracce di ecchimosi, ematomi ed edemi, oltre ad un senso d’intorpidimento.

Nei casi più complessi, le iniezioni di filler potrebbero causare pruriti insistenti, noduli, edema intermittente ed anche ascessi; è per questo motivo che le iniezioni di acido ialuronico sono controindicate nei pazienti che soffrono di grave ipersensibilità a più sostanze (allergie multiple severe).

Per quanto riguarda gli altri impieghi non si registrano effetti collaterali a questa sostanza, anche se è del tutto sconsigliato assumere Acido Ialuronico in gravidanza, in quanto i ricercatori non dispongono di abbastanza quantità di dati per capire se questo può nuocere o no al feto.

Acido ialuronico e la Bava di lumaca, la squadra vincente per rallentare i segni dell’invecchiamento

Crema viso alla bava di lumaca arricchita con acido ialuronico

MyAnisha™ Cosmetics crea un’accoppiata vincente per rallentare, diminuire e a volte eliminare del tutto i primi segni d’invecchiamento e scomodi inestetismi della pelle. Dall’idea di creme e sieri alla bava di lumaca si intuisce la combinazione che farà la differenza sulla pelle di uomini e donne; MyAnisha™ crea creme e sieri a base di Bava di Lumaca con l’aggiunta di Acido Ialuronico, quando si dice che la natura ci viene incontro, è una realtà e MyAnisha™ lo  è veramente per molte persone. Unire questi due principi sta dando risultati evidenti e veloci a chi sta dando fiducia alla linea MyAnisha™ completa di creme viso e crema corpo, siero viso in diverse concentrazioni di bava di lumaca, maschera per il viso e una strepitosa soluzione curare le pelli grasse e colpite da acne giovanile, utile anche come tonico e struccante per il mondo femminile. Vediamo unirsi in un solo prodotto la capacità della bava di lumaca di riparare i tessuti cutanei, proprietà antinfiammatoria, lenitiva, altamente nutriente e idratante, curativa ed esfoliante, con la capacità naturale dell’acido ialuronico di trattenere acqua all’interno delle cellule della pelle ridonando o mantenendo elasticità, tonicità e turgore, con capacità di ridurre visibilmente rughe del tempo e rughe d’espressione.
L’acido ialuronico a basso peso molecolare, come accennato precedentemente in questo articolo, riesce a penetrare in profondità rispetto agli strati superficiali dell’epidermide, andando a nutrire gli strati più profondi della pelle creando un vero e proprio effetto tensore.

Come risulterà la pelle dopo il trattamento?

L’utilizzo di prodotti cosmetici certificati, come quelli proposti da MyAnisha™ garantiranno una pella più levigata, più tonica e rimpolpata, riempiendo già dalle prime applicazioni i piccoli cedimenti cutanei, donando un effetto distensivo e di riduzione della profondità delle rughe visibile all’occhio. Sia il siero di lumaca che l’acido ialuronico, inoltre, stimolando entrambi la produzione di collagene, sosterranno la pelle, aumentandone in modo evidente la compattezza.

Please follow and like us:
error